Loading...
Crisi di Impresa

L’importanza di affidarsi a Professionisti Specializzati in procedure transattive

a cura di
Ufficio Stampa Millennium & Partners
,
pubblicato in data
6.2.2021

Centralità assoluta riveste la figura del professionista indipendente ,nominato dall’imprenditore debitore, che ha la funzione di attestare la validità della proposta transattiva rispetto all’alternativa di liquidazione fallimentare. Il professionista attestatore deve dimostrare, attraverso la veridicità dei dati aziendali e dopo una diagnosi delle cause della crisi aziendale, l’attuabilità dell’accordo transattivo attestando che i fattori di criticità emersi siano superabili nel segno della continuità aziendale.

La sua relazione dovrà contenere informazioni corrette e inconfutabili che rafforzino la credibilità della proposta finalizzata al risanamento dell’impresa. Il professionista deve dimostrare che sussiste il requisito della maggiore convenienza economica di tale proposta rispetto all’alternativa liquidatoria e per fare ciò dovrà analizzare e contabilizzare l’importo che l’erario può percepire sulla base della proposta transattiva con quello realizzabile mediante la liquidazione giudiziale dell’impresa, tenendo in considerazione i valori degli asset aziendali e dell’ammontare conseguibile in sede di assegnazione ai creditori delle somme ricavate attraverso la liquidazione stessa. Diventa quindi indispensabile che nel piano siano quantificati in termini monetari gli scenari delle diverse linee d’azione in modo da assicurarne l’attendibilità.

Il requisito dell’indipendenza e il ruolo del Professionista attestatore

Uno dei requisiti essenziali richiesti dal Legislatore è l’indipendenza dell’attestatore: il professionista dovrà essere privo di conflitti e interessi. Per garantire l’autonomia di giudizio e l’indipendenza economica dal debitore non deve essere legato all’impresa né da rapporti personali o professionali né da rapporti con i creditori del contribuente in crisi o in genere con coloro che possono avere interesse all’approvazione del piano.

Qualora il requisito dell’indipendenza non venisse rispettato o venisse meno durante l’iter della procedura ciò comporterebbe gravi conseguenze anche sotto il profilo penale per il professionista e decreterebbe l’invalidità e il conseguente rigetto del piano presentato.

Nel caso in cui, l’Agenzia delle Entrate, fosse propensa al rigetto, dovrà giustificare oggettivamente i motivi del rifiuto. Dovrà corredare il giudizio di insostenibilità con una motivazione analitica dei dati e delle prospettazioni,contenute nella relazione e nel piano, ritenuti inattendibili. Inoltre, gli Uffici dell’AdE, a tutela del proponente, saranno tenuti al rispetto del contraddittorio preventivo con il contribuente al fine di metterlo a conoscenza degli esiti delle loro valutazioni e di consentire una interlocuzione preventiva nel corso della quale esaminare gli elementi di criticità individuati.

Da tutto ciò si evince l’importanza assoluta diaffidarsi a dei professionisti attestatori specializzati nelle procedure ditransazione fiscale, che abbiano le competenze necessarie a realizzare a monte uno studio di fattibilità preventiva prima di imbarcarsi in una operazione di dubbia riuscita.

Se sei interessato alle novità della Transazione Fiscale 2021, leggi qui

Sei un imprenditore o un professionista? Se non lo hai ancora fatto verifica la tua situazione debitoria attraverso il nostro check up gratuito.
Chiedi informazioni al nostro numero verde oppure compila il form in basso, verrai ricontattato da un nostro consulente entro 24 ore.

VAI AL FORM DI CONTATTO
Codividi questo articolo:

Richiedi ora la tua consulenza gratuita.
Verrai ricontattato entro 24 ore.

Grazie! il messaggio è stato correttamente inoltrato, e un nostro incaricato vi contatterà a breve.
Oops! C'e qualche problema con i dati inseriti. Si prega di correggere e inviare di nuovo.